Licenziata, distrugge gli archivi ma dal backup si recuperano i dati

7606497dd0a321280ac788125e3612b1.jpgDanielle Duann è stata accusata di aver cancellato gli archivi elettronici del LifeGift Organ Donation Center di Houston, una banca degli organi.

Non si tratterebbe però dell’azione distruttrice di un pirata informatico, ma la vendetta di un’ex direttrice del dipartimento It, attuata poco dopo il licenziamento.

La vicenda risale al novembre del 2005: la Duann è accusata di essersi introdotta nella rete della LifeGift e di aver cancellato le informazioni sulle donazioni di organi oltre alle fatture. Il centro sostiene però di non aver subito danni perché tutti i dati sono stati ripristinati dal backup.

Se riconosciuta colpevole, la Duann può essere condannata a un massimo di 10 anni di prigione e a pagare una multa di 250.000 dollari

Licenziata, distrugge gli archivi ma dal backup si recuperano i datiultima modifica: 2008-07-01T09:20:00+02:00da paperoga159
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento